.
Annunci online

condividi:

19 mld di euro e oltre 283mila occupati in 2013 da incentivi fiscali per ristrutturazioni ed efficienza energetica in edilizia

Roma, 26 novembre 2013 

“Gli incentivi fiscali per ristrutturazioni ed efficienza energetica in edilizia, secondo le stime del Cresme che oggi ha presentato uno studio di settore alla VIII Commissione Ambiente della Camera, avranno prodotto a fine 2013 investimenti per 19 miliardi di euro, qualificando il sistema imprenditoriale del settore, riducendo i consumi energetici, l’inquinamento e le bollette delle famiglie e garantendo 189.088  posti di lavoro diretti e 283.638 occupati considerando anche l’indotto. Una cifra superiore a un punto percentuale di Pil, che rappresenta una boccata di ossigeno per un settore importante come l’edilizia, che dall’inizio della crisi ha perso oltre 500 mila addetti considerando l'indotto e ha visto chiudere 12 mila imprese”, così Ermete Realacci, Presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, commentando lo studio presentato oggi dal Cresme in Commissione Ambiente.

“Si conferma l’importanza  - prosegue Realacci - di affrontare la crisi rilanciando l’edilizia legata alla riqualificazione energetica e al consolidamento antisismico del patrimonio esistente, come peraltro richiede anche l’UE, e accompagnando queste politiche anche con la revisione del Patto di Stabilità interno, come chiesto da una risoluzione di cui sono primo firmatario approvata all’unanimità dalle Commissioni Ambiente e Finanze della Camera, per consentire agli Enti locali che abbiano risorse da investire, di realizzare interventi di efficientamento energetico degli edifici e di messa in sicurezza antisismica degli edifici pubblici, a partire dalle scuole e dagli ospedali. Nella Legge di Stabilità è dunque necessario non solo prorogare, ma come chiesto dalla medesima risoluzione stabilizzare e rendere più efficienti l’eco-bonus per il risparmio energetico in edilizia e per gli interventi di consolidamento antisismico”.



Ufficio stampa On. Realacci




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. incentivi edilizia fiscali cresme ecobonus


permalink | creato da team_realacci il 26/11/2013 alle 12:44 | Versione per la stampa
sfoglia ottobre        dicembre
Sono nato a Sora (FR) il primo maggio 1955 e vivo a Roma. Ho guidato fin dai primi anni Legambiente, di cui sono tuttora presidente onorario. Ho promosso e presiedo Symbola, la Fondazione per le qualità italiane... biografia completa
 
Una legge contro le plastiche in mare
IL MATTINO dedica un articolo alla presentazione della proposta di legge a prima firma Ermete Realacci per abolire le microplastiche nei cosmetici che costituiscono una importante forma di inquinamento del mare. L'iniziativa si è svolta a Napoli, bordo della nave scuola Amerigo Vespucci della Marina Militare nell'ambito della Campagna "mare mostro" promossa dall'associazione MareVivo.
Puntare su Italia che fa Italia per ripartire dopo Brexit
FOCUS DEL SOLE24ORE su Softeconomy, inserto sull'Italia dei talenti, della creatività, della cultura, dell'innovazione e della greeneconomy. Temi che saranno affrontati nel prossimo seminario della Fondazione Symbola a Treia. All'interno dello speciale, fra l'altro, interviste a Ermete Realacci, Dario Franceschini e Ivan Lo Bello. Per Realacci "Ancora più importante, dopo la Brexit, puntare su Italia che fa Italia"
Cultura: dopo Brexit ancora più importante scommettere sui nostri punti di forza
L'UNITA' pubblica un ampio articolo di Realacci sulla presentazione del rapporto Io Sono Cultura realizzato da Fondazione Symbola e Unioncamere al Ministero dei Beni Culturali con il Ministro Franceschini, il presidente di Unioncamere Lo Bello. Dall'analisi emerge l'importante ruolo del sistema produttivo culturale sia per l'economia che per l'occupazione del nostro Paese. "A maggior ragione dopo il Si alla Brexit è ancora più necessario scommettere sui punti di forza dell'Italia che fa l'Italia" afferma Realacci.
Dopo ecoreati approvata la riforma delle agenzie ambientali
IL MANIFESTO pubblica un articolo di Realacci sulla riforma del sistema dei controlli ambientali. Dopo la legge sugli ecoreati, scrive Realacci, la riforma delle agenzie ambientali è un passo in avanti per un'Italia più civile e per una economia più pulita. L'efficacia e l'efficienza dei controlli sono garanzia di tutela per cittadini e ambiente e certezze per le imprese.
Archivio
Blog letto1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom